Home > Recensioni > Luminal: Amatoriale Italia
  • Luminal: Amatoriale Italia

    Luminal

    Data di uscita: 03-05-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Gli sputi negli occhi

Alessandro Commisso, Carlo Martinelli, Alessandra Perna.
Sentirete anche questi tra i nomi elencati in “Donne (Du, Du, Du)”, apertura di “Amatoriale Italia”. I Luminal sono tornati in un paesaggio post-apocalittico, decidete voi se tremare o meno.

Tirato insieme con pezzi registrati in presa diretta e non, il terzo album della band romana è una fotografia dal sapore pornografico del nostro Bel Paese, dove quotidianità significa impero televisivo berlusconiano, maniaci in rete, hipster figli di papà e grandi speranze sul panorama musicale indipendente.
C’è spazio per citazioni colte quale è “Stella Era Una Ballerina E Stava Sempre Giù”, ma i riflettori sono puntati sulla violenza delle immagini partorite dai testi. Perché forse quello di cui abbiamo tutti bisogno è un ceffone collettivo.

Siamo chiari, se siete tipi da scandalizzarvi state lontani da “Amatoriale Italia” e tornate ad ascoltarvi Cohen; non sia mai che sveniate per “Una Casa In Campagna” o “Grande Madre Russia” (due dei brani meglio riusciti).
Se invece apprezzate la schiettezza, specialmente quando accompagnata musicalmente in maniera consona- distorsioni, pestate di batteria e basso cupi, rischiarati dall’armonica- allora catapultatevi nei negozi a pigliarvi la vostra copia, che poi c’è pure il tributo ai Laghetto “Canzone Per Antonio Masa”.

Pro

Contro

Scroll To Top