Home > Recensioni > Luminal: Io Non Credo
  • Luminal: Io Non Credo

    Luminal

    Loudvision:
    Lettori:

Delibera n. 24062011

OGGETTO: Concessione di contributi per la trasformazione della musica italiana a bene prezioso e inestimabile.
Anno 2011 Addì ventiquattro del mese di giugno. Nella sala delle adunanze della sede comunale, si è riunita la giunta nazionale per l’ascolto della nuova incisione dei Luminal “Io Non Ci Credo”.
Presiede l’adunanza la maestria nell’uso delle due chitarre da parte di Alessandra Perna e Carlo Martinelli che con le loro enunciazioni vocali hanno convinto pienamente tutti gli assessori oggi qui presenti.

Il presidente, constatato che i nove emendamenti decantati dai Luminal sono tutte perle musicali di origine controllata, ha dichiarato conclusa la seduta deliberando che la musica nostrana va protetta come un bene raro e prezioso.

Scherzi a parte, i Luminal sono l’esempio più lampante che la musica italiana vive, respira nel modo più autonomo e prezioso possibile. Sentire Fabri Fibra che parla male della musica italiana attuale significa voler rimanere ignoranti senza cercare di muovere un passo dalle proprie convizioni. La musica italiana vive e vivrà, se noi vivremo con lei.

Secondo album, un piccolo capolavoro, formato dalla spina dorsale dei due Luminal che sanno bene come giocare seriamente con testi, voci e chitarre, come un ipotetico Jack White ospite dei Desert Session. Intenso, liberatorio e impegnato.
La delibera è stata dichiarata immediatamente eseguibile.

Pro

Contro

Scroll To Top