Home > Recensioni > Lu-Po: Bloom
  • Lu-Po: Bloom

    Lu-Po

    Loudvision:
    Lettori:

Ascoltare le stalattiti crescere

“Bloom” è il quarto lavoro di Gianluca Porcu sotto lo pseudonimo di LU-PO. È un lavoro che si distende attraverso undici tracce di un’elettronica dolce e suadente, uno scorrere pacifico di suoni che ricorda il gorgogliare delle acque di un ruscello, o della pioggia cadere. Pace e tranquillità naturali, una lunga camminata attraverso dei boschi di montagna, un paesaggio sonoro che evolve serenamente, al ritmo dato dal camminare con calma lungo un sentiero isolato e lontano dal mondo.

Una cosa che non possiamo proprio evitare è il fatto che i gusti siano una questione veramente personale. Mi dispiace dirlo quindi, ma “Bloom” non mi piace. Sarò troppo zarro io, e sarà che molta dell’elettronica che mi piace è quella che squarta l’aria come se fosse una motosega, però quest’album non mi lascia niente, uno scorrere di gocce sempre uguale a sé stesso. Un po’ come ascoltare l’acqua scorrere in una grotta. Potrà essere anche estremamente bello, ma alla fine stanca.

Pro

Contro

Scroll To Top