Home > Recensioni > Lyfthrasyr: The Recent Foresight
  • Lyfthrasyr: The Recent Foresight

    Lyfthrasyr

    Loudvision:
    Lettori:

Foresight… for the future

Un giorno o l’altro varrà la pena di interrogarsi sulle etichette, sul senso di frammentare (a parole) un genere musicale allo scopo di definirlo nel dettaglio, riuscendo perfettamente a renderlo incomprensibile. Ottimo.
Seguendo questa caotica deriva i Lyfthrasyr ci vengono presentati come new generation of melodic black / dark metal, qualunque cosa tutto ciò voglia dire. Spogliando questo “The Recent Foresight” da estemporanee definizioni possiamo invece estrarre il minimo comune denominatore di questo lavoro: del sano black metal.
L’inizio affidato alla fin troppo canonica intro d’ordinanza è in realtà fuorviante rispetto al corpus principale del disco. Una batteria triggeratissima, chitarre supercompatte che veleggiano più spesso su lidi death che black e tastiere sinfoniche vanno a imbastire un monolite sonoro, continuamente sfaccettato da stacchi e ripartenze e reso gelido da un sound freddo e sintetico, nella miglior tradizione delle superproduzioni di oggigiorno. Le composizioni nascono da un background di sonorità moderne, con qualche divagazione elettronica e accenni cyber; tecnologia come lasciapassare per il futuro, come spesso capita nei dischi che vorrebbero essere black metal generation next.
Rimandi evidenti si trovano in Dimmu Borgir e Cradle Of Filth, soprattutto per quel che riguarda le progressioni di tastiere o certi passaggi atmosferici voce/piano, disseminati a stemperare brani che non difettano per violenza e tempi sostenuti ma tendono ad assomigliarsi tra loro, a dispetto del notevole bagaglio tecnico messo in gioco. Nonostante una non sempre perfetta integrazione tra parti atmosferiche e più canonicamente black, spiccano alcuni pezzi sopra la media (tra cui l’ottima “Visions Of Hope And Despair” o la successiva “Exhaling The Spirit Of Time”); equilibrati e convincenti, dimostrano come dando un paio di scalpellate al songwriting i signori possono ambire ad una meritata fetta di celebrità… si spera qualcosa in più dei warholiani 15 minuti anche se l’inflazione nel genere galoppa. Per paradosso, visto il genere, più luci che ombre.

Scroll To Top