Home > Recensioni > Lyriel: Leverage
  • Lyriel: Leverage

    Lyriel

    Data di uscita: 24-02-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Leggero

Poco sopra il pelo dell’underground aleggiano i Lyriel, gothic metal band tedesca col pallino per i tocchi folk e le striate del violoncello.

La voce femminile fa miracoli nel rendere suadenti brani semplici, brevi, quasi essenziali, centrati su riff di base, senza sorprese o inattesi espedienti nei bridge. Ma le arie e i ritornelli sono uno più calzante dell’altro, dalla title-track fino a “Repentance” passando per “Voices In My Head” e “White Lilly”, nonché per gli archi celtici di “Aus Der Tiefe”. Non manca di dignità anche la romantica ballata “Wenn Die Engel Fallen”, intorcinata ai tasti alti del pianoforte.

In “Leverage” l’immediatezza dell’ascolto prevale di netto sulla profondità, ma tutto va bene con una simile cantante.

Questo disco necessiterebbe di una manifestazione dal vivo della band, per dare corpo a canzoni che altrimenti passano come una folata di vento. Di certo il nuovo lavoro “graffia” più dei precedenti, che si crogiolavano su lidi celticheggianti. In “Leverage” c’è più di una piccola perla che pende dalle labbra di questa misconosciuta e mirabile Jessica Thierjung.

Pro

Contro

Scroll To Top