Home > Recensioni > Maciste: Maciste
  • Maciste: Maciste

    Maciste

    Data di uscita: 15-12-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Etniche marcette

Fuori dal tempo, i Maciste creano canzoni che potrebbero essere sottofondo ai numeri di un circo di inizio ’900 o colonne sonore di film ex-URSS.
Fuori dallo spazio, la band pavese/piacentina firma per un’etichetta Statunitense, richiama atmosfere balcaniche e si identifica nel clima di San Pietroburgo.

In questo melting pot di influenze e culture, quanto emerge è un album che poco ha di italiano e molto di musica zingara; tracce zeppe di organetti e tastierine, trombe e percussioni, dieci “marcette sbilenche e walzerini d’altri tempi”, per dirla con le loro stesse parole.

Gogol Bordello? Non così affini. Goran Bregovic? Fuochino…
La verità è che i Maciste sono piuttosto singolari e non troppo assimilabili ad altri artisti; senz’altro qualcosa di nuovo nel panorama della musica indie nostrana (che tanto nostrana poi non è, se non per anagrafica).
Questo primo album senza titolo è un lavoro indubbiamente valido, un folk molto marcato apprezzabile specialmente dai cultori di musiche etniche dell’est Europa.

Pro

Contro

Scroll To Top