Home > Recensioni > Magic Trick: Ruler Of The Night
  • Magic Trick: Ruler Of The Night

    Magic Trick

    Loudvision:
    Lettori:

No trucchetti

All’inizio era Tim Cohen, uno che da adolescente s’è dato più all’hip-hop che non alla sperimentazione. Uno che vive negli Stati Uniti (in effetti è di San Francisco) e che ha inaugurato molti progetti musicali, tra cui – il più noto – The Fresh & Onlys.

Tuttavia, questo Tim a un certo punto si ritrova nella propria stanza con il bisogno fisiologico di introspezione, ed è lì che nasce il suo Magic Trick.

“Ruler Of The Night” è il secondo lavoro tramite cui l’artista fa vibrare su corde di nylon idee random e ripensamenti, tutti severamente esclusi dal processo di labor limae. Perché si sa che quel che viene di getto è er mejo, specialmente se lo si plasma a mo’ di sensazioni folk dove l’etereo abbraccia la spontaneità.

Fate come se Tim vi aprisse le porte di casa e si spogliasse di ogni inibizione per essere sé stesso e nient’altro di più.
Benché il nome possa trarre in inganno, non vi sono trucchi magici: qualsiasi cosa esca da codesto LP sotto forma di impulso sonoro è un pezzetto del Cohen che è stato, è e (magari) sarà. Carne e sincerità per chiunque ne desideri.

Pro

Contro

Scroll To Top