Home > Rubriche > Ritratti > Major? No grazie!

Major? No grazie!

Quando Adrian Iowa fondò i Prototyp nel 1981, il concetto di musica indipendente era talvolta associato ad un sound grezzo e autoprodotto, quasi da cantina e certamente non adatto ad essere presentato nelle grandi arene. È proprio in questo modo pionieristico e artigianale che Iowa ha avviato una carriera musicale che continua da 30 anni.

Fedele al principio della libera creatività ad ogni costo, la band si esibisce dal vivo proponendo un repertorio prevalentemente strumentale, sperimentando un sound privo di basso e utilizzando invece delle chitarre appositamente modificate dal fondatore.
Prototyp nasce come idea originale che supera i confini della musica suonata per comprendere il prodotto artistico nella sua totalità, dalla sua ideazione lungo le diverse fasi di lavoro fino al risultato finale che, nel caso di questa band, conserva le caratteristiche di unicità di cui sopra, rifuggendo la diffusione di massa e la produzione in serie, che è uno dei motivi per cui Prototyp rifiutano di firmare un contratto e sono orgogliosi della propria indipendenza artistica.

Difficile dire dove questo porterà la formazione tedesca nei prossimi anni; certo è che Iowa, master mind del gruppo, e’ costantemente al lavoro su nuovi progetti. Infatti, oltre ad essere la mente dietro la band (produce, mixa, scrive, compone, progetta l’artwork), ha fondato la propria etichetta discografica e ha uno studio di produzione audio-video. Inoltre, ha avviato l’iniziativa M.O.A. W.A.U! (Messerngers of Art-We Are United!), che promuove e sostiene la crescita di giovani talenti in tutta Europa e si presenta come una comunità in cui i musicisti dei generi più diversi possono incontrarsi e scambiare le proprie esperienze e skills.

Ora e’ impegnato nella lavorazione della rock opera “The Snow Star”, una sorta dI musical imperniata sulla sua vita artistica, e di cui ha perfino studiato le coreografie e scritto tutti i testi. Il progetto, a cui hanno partecipato ospiti illustri della scena indipendente internazionale (come Colin Tench e Gary Derrick deI Bunchakeze) verrà presentata entro la fine dell’anno e promette di essere, nelle parole del suo autore, “diversa dalla tipica Rock-Opera che noi conosciamo. Nelle 12 tracce il pubblico rivive la formazione di una rock band, dell’orchestra, dei ballerini e degli attori in un modo che nessuno ha mai visto prima”. La parte musicale riflette, naturalmente, le influenze dei musicisti partecipanti: prog rock classico dei primissimi Genesis e Pink Floyd e atmosfere AOR alla Saga e House of Lords, il tutto autoprodotto nel più puro spirito indie. Se state pensando che Iowa sia un fissato del perfezionismo o soffra di manie di grandezza non avete tutti i torti dato che, ben consapevole dello sforzo che implica il fare musica senza una major alle spalle, ha deciso di rendere disponibili ai media interessati alla sua musica dei sample in bassa qualità.

Strano? Beh, un’altra sua trovata, con tanto di copyright, vi stupira’ ancora di più. si tratta di PERSO-DVD, un dvd che Adrian Iowa prepara per i suoi amic e fani personalizzandolo con la loro foto e con un messaggio dedicato, per ringraziarli del loro sostegno. Insomma, un prototipo, per uno dei musicisti più anticonformisti ed estroversi di questi decenni.

Scroll To Top