Home > Recensioni > Malvachimica: Dipende dai Giorni
  • Malvachimica: Dipende dai Giorni

    Malvachimica

    Loudvision:
    Lettori:

Ragazzi di campagna

In quella provincia fatta di amici giù al bar, tre giovanissimi toscani prendono in mano le chitarre e decidono di venir fuori con il nome di Malvachimica.

Si definiscono un composto di fuoco, terra e passione e hanno assorbito tutta la musica da cameretta possibile. Suonano per il piacere di far musica e si tatuano addosso un sound italianissimo, proprio nel Paese che guarda all’estero per la buona musica. “Dipende dai Giorni” è il loro debutto discografico, cinque tracce immerse nella vita distante anni luce dall’America della tivvù.

I Malvachimica ripuliscono il rock statunitense – dal quale traggono ispirazione – e ne fanno un cantato piacevole e melodico. Ricordando il cantautorato nostrano che ha fatto storia e regalandogli un respiro internazionale.

Musica sana, si potrebbe definire così la musica della band toscana. La loro terra d’origine potrebbe essere un ottimo punto di partenza per capire chi sono questi tre ragazzi e cosa hanno intenzione di fare. Invece a loro piace stupire, e farci continuare a chiedere dove mai vorranno andare.

Si sono armati di brani come “Parlo Alle Allodole” e “L’Isola”, offrendoci un assaggio niente male. Ma la tavola è grande e imbandita a festa, come non gustarsi le prossime portate?

Pro

Contro

Scroll To Top