Home > Recensioni > Mambassa: LP
  • Mambassa: LP

    Mambassa

    Loudvision:
    Lettori:

Un pianeta solitario

I Mambassa sono una band nata a metà degli anni ’90 con alle spalle quattro pubblicazioni ed una moltitudine di esibizioni live. Nel 2006 decidono di “staccare un po’ la spina” per dedicarsi alle loro vite private. Durante questa pausa però i vari membri della band non si perdono di vista e continuano la loro passione musicale, così nel 2010 decidono di tornare con un nuovo album intitolato “LP” (“Lonely Planet”).

Ciò che offrono al pubblico è un album composto da 11+1 canzoni di rock italiano tendente al cantautorato, forse un po’ fuori contesto in questo periodo ma comunque di alto livello.
La pausa autoimposta ha offerto alla band l’occasione di maturare rispetto alle pubblicazioni precedenti: le nuove canzoni denotano una certa ricercatezza nella composizione e nella scrittura dei testi.

Tenendo presente il percorso di vita della band si può facilmente capire che il loro intento non è quello di pubblicare un insieme di singoli indipendenti, ma piuttosto un album che suoni omogeneo, con canzoni legate da un’armonia particolare, a tratti sofferta, ma comunque sempre intensa.
Il disco è buono ma non ha quel qualcosa in più per spiccare tra la moltitudine di pubblicazioni di questi anni. E del resto non sembra nemmeno l’intento della band.
Non è assimilabile subito, ma in seguito risulterà chiaro ciò che la band vuole trasmettere. Già dal titolo ci porta a pensare al paradosso del mondo odierno: moltissime persone, ognuna chiusa nella propria solitudine.

Pro

Contro

Scroll To Top