Home > Report Live > Mamma guarda chi ti presento

Mamma guarda chi ti presento

Il giocoliere dei nonsense si esibisce per la rassegna Non Luoghi Musicali. Non ci resta che dedurre che questo di venerdì 17 sia il nonconcerto per eccellenza.

Quel che è certo è che stasera il Centro Commerciale Campania di Marcianise sembra prender nuova vita. Anche le scale mobili seguono il ritmo del cantautore novarese. Una ventata d’aria fresca qui dove la direzione artistica ha da poco superato la maggiore età.

“Non Ho Tempo” apre le danze, Bugo è in gran forma e il pubblico lo coccola a dovere. Non solo accorrono numerosi per il terzo appuntamento della kermesse, ma son tutti pronti ad immortalare la star sul palco, come a voler sottolineare l’imperdibile evento. Al primo accenno di chitarra l’intera platea intona il brano che sta per arrivare. “Amore Mio Infinito”, “Io Mi Rompo I Coglioni”, “C’è Crisi” e “Ggeell” sono i pezzi che danno carica a tutti. Canzoni fatte apposta per scaricare un’intera settimana di lavoro, fotografie di cazzate fatte con gli amici, quando il disco che girava nello stereo ancora non lo conosceva nessuno.

È di piccoli segreti che si nutre il successo dello scapigliato Cristian Bugatti, un lungo passaparola a voce bassa che ha conquistato l’intero Stivale. Piccole sorprese per una longevità che si conta sulle copertine dei lavori in studio. Piccole soddisfazioni che il nostro esalta in questa serata di festa, lasciando capire a chi canta, a chi scatta e chi di ciò ne scriverà che questo luogo estraneo alle dinamiche da rockmarketing è per lui fonte di energia.

“I Miei Occhi Vedono” sono gli accordi di un Bugo romantico che sa catturare anche il pubblico più melodico. L’atmosfera si colora dunque di accendini che ondeggiano e innamorati che se la cantano negli occhi. Quante ne sa questo tipo qua!

A fine concerto i presenti non vogliono andar via e la star non resiste: autografi e fotoricordo per tutti. Nella calca sotto il palco qualcuno risponde al telefono ‘Mamma, sono ad un concerto al Campania’. Ecco, è di questi piccoli segreti che parlavamo. Ora, cara mamma, lo sai anche tu chi è Bugo.

Scroll To Top