Home > Recensioni > Man On Wire: West Love
  • Man On Wire: West Love

    Man On Wire

    Loudvision:
    Lettori:

Melting pot

Se non sai che fare nel lungo e gelido inverno puoi sempre formare una band: questo è quello che è successo ai Man On Wire, al debutto con il disco “West Love”.

I componenti del gruppo, pur provenendo ognuno da progetti diversi, decidono di unire le forze. Ne escono otto brani pop, dolci melodie sunshine così come la voce (in inglese), chitarre che arpeggiano delicatamente in un mix che ricorda vecchie fotografie scattate nella natura selvaggia.

Se è vero che dal non luogo e dal non tempo possono nascere terze dimensioni dettate dall’immaginazione, questo è ancor più vero per chi vive in Friuli, il non luogo per eccellenza, melting pot non solo culturale ma di menti conterranee che non sanno come occupare il tempo nei lunghi inverni. Fioriscono così progetti spontanei, come la musica dei Man On Wire, che rappresenta alla perfezione l’equilibrio di chi sa rimanere al di sopra delle abitudini.

Pro

Contro

Scroll To Top