Home > Recensioni > March Division: Post Meridian Soul
  • March Division: Post Meridian Soul

    Irma Records / none

    Data di uscita: 21-02-2014

    Loudvision:
    Lettori:

“Post Meridian Soul” è il nuovo disco dei March Division ed il secondo della loro carriera cominciata nel 2010. Dopo il buon riscontro di pubblico dopo l’uscita del disco d’esordio “Radio Daydream” del 2012, la band pubblica due Ep ( “Post Meridian Soul Ep” e “Metropolitan Fragment”) che sottolineano il percorso intrapreso dalla band in questi ultimi anni. Con “Post Meridian Soul” i March Division rendono ancora più evidenti le scelte stilistiche e la direzione intrapresa: un sound decisamente brit, miscelato con una forte componente elettronica da dance floor. Qualcosa che fa venire in mente da una parte l’ultimo lavoro dei Kasabian e dall’altra i Placebo.

Una sezione ritmica su cui s’innestano i riff della chitarra elettrica e le note dei synth. La voce di Andy Vitali che coinvolge e ti avvolge. Prima comincia a muoversi il piede e dopo un istante, senza che tu te ne sia accorto, comincia a muoversi tutto il tuo corpo. Quella che stai ascoltando non è più solo una rock band, ma è diventata una vera e propria macchina da dance floor! Brani come “Night Fare”, “Dig It” e “Rust’n’Dust” hanno un tiro inarrestabile.

La copertina del disco rappresenta bene le sensazioni del disco: un intrico di linee che si uniscono a formare un cervello. Un intrico che rappresenta le vite di ciascuno di noi, che si intrecciano in una grande città moderna piena di speranze e sogni, proprio come cantano i March Division.

 

 

 

Pro

Contro

Scroll To Top