Home > Recensioni > Marilyn Manson: The Pale Emperor
  • Marilyn Manson: The Pale Emperor

    Marillion

    Cooking Vinyl / edel

    Data di uscita: 19-01-2015

    Loudvision:
    Lettori:

Arriva come un secchio d’acqua ghiacciata il nuovo album di Marilyn Manson, “The Pale Emperor“. Il disco, uscito lunedì 19 gennaio, risveglia la coscienza addormentata dei fan di Manson, come per dire “non temete, sono tornato”.

La band si è presa tre anni di pausa dall’ultimo lavoro “Born Villain” (2012), ma è un silenzio giustificato ai fine della realizzazione di questi 10 brani, la cui qualità risulta ottima.

Disco completamente black, coinvolgente, cupo. Sono questi i tipici ingredienti contenuti nella pozione magica dei Marilyn, con la quale tempo fa ci avevano stregati. In “The Pale Emperor” c’è anche Tyler Bates (noto compositore di colonne sonore per cinema e televisione), la cui presenza è ben gradita e si sposa anche bene con l’atmosfera dell’album.

Stesse sonorità, giusto per non farci sentire troppo nostalgici degli anni ’90. Si passa dal metal, al rock sia blues che gothic, ma qualcosa sembra sia cambiato: Marilyn appare meno provocatorio e più introspettivo. Ad aprire il disco è la melodia blues rock di “Killing Strangers”. Ma il vero pezzo forte è “Third Day Of A Seven Day Binge”, il singolo uscito lo scorso ottobre e che regala adrenalina a mai finire.

Non è da meno “Mephistopheles Of Los Angeles” e “The Devil Beneath My Feet”, quest’ultimo decisamente industrial. L’album chiude in bellezza con l’ultimo brano “Odds Of Even”: la prova che Marilyn Manson e compari hanno ancora molto da dire.

Pro

Contro

Scroll To Top