Home > Recensioni > Marlene Kuntz: Nella Tua Luce
  • Marlene Kuntz: Nella Tua Luce

    Marlene Kuntz

    Data di uscita: 27-08-2013

    Loudvision:
    Lettori:

I MK con rinnovata grinta e ispirazione

A tre anni dal loro ultimo lavoro, i Marlene Kuntz dimostrano di avere nuova vitalità e nuova energia. Il disco precedente, “Ricoveri Virtuali e Sexy Solitudini”, era stato un mezzo passo falso, con pochi brani validi e molta carenza di idee. In questo “Nella Tua Luce” sin dall’apertura che dà il titolo si capisce quanta ispirazione ci sia in questo lavoro. Andando avanti (“Osja, Amore Mio”, “Seduzione”) c’è la conferma di una band in buonissima forma, sebbene i fasti dell’ultimo decennio siano difficili da ripetere e il meglio sia già stato fatto. Nel complesso però è un album valido musicalmente ma soprattutto nei testi, dove Godano e soci non hanno mai deluso.

Il disco vive sia di episodi riflessivi (ai quali i MK ci hanno abituati negli ultimi periodi) che grintosi vecchio stile. Il singolo “Il Genio (L’Importanza Di Essere Oscar Wilde)” è trascinante anche se suona un po’ già sentito, mentre il top si raggiunge in episodi intimistici come “Osja, Amore Mio” (che sembra scritta da Umberto Maria Giardini) e “Catastrofe” (arpeggio iniziale splendido e testo criptico e interessantissimo). Con “Seduzione” siamo ad alti livelli, rock’n’roll puro, semplice e diretto. Un lavoro ricco di qualità (quasi inaspettata a dire il vero, visto il lavoro precedente) che ci riconcilia con una delle band italiane più importanti e influenti dell’ultimo ventennio.

Pro

Contro

Scroll To Top