Home > Recensioni > Marti: King Of The Minibar
  • Marti: King Of The Minibar

    Cassavetes Connection / Believe

    Data di uscita: 03-02-2017

    Loudvision:
    Lettori:

King Of The Minibar” è il nuovo album di Marti, uscito il 3 febbraio 2017. Registrato tra la Liguria, Berlino e Londra, chiude la trilogia discografica, formata da “Unmade Beds” del 2006 e “Better Mistakes” del 2011, entrambi divenuti successi sia nazionali che internazionali.

10 sono le canzoni che le compongono; 10 come stanze d’albergo di Berlino protagoniste. Ci sono Mr Sophistication, personaggio del film cult “Assassinio di un allibratore cinese” di John Cassavetes del 1976, Evatima Tardo, artista fachiro resa immune al dolore dal morso di un serpente letale, definita da Houdini una delle donne più belle del mondo; c’è un marito naufrago che vive su una zattera in mezzo al mare. Ci sono diversi personaggi, ognuno con la sua storia; ci sono atmosfere cupe e misteriose; ci sono brani che sembrano colonne sonore di film noir.

“King Of The Minibar” si colloca tra il rock e il new wave. Perla rara è “Black Waltz” che, come suggerisce lo stesso titolo, parte dal valzer, per arrivare all’opera lirica: un mix di sonorità che congiungono passato e presente.

Questo lavoro traccia una linea che unisce la musica al cinema: non è strano, se si pensa che Andrea Bruschi, questo il vero nome di Marti, oltre ad essere cantante, è anche attore.

L’album non è per tutti: è per chi usa la musica come mezzo per evadere dalla propria realtà e viaggiare con la fantasia.

 

Pro

Contro

Scroll To Top