Home > Recensioni > MasCara: Tutti Usciamo Di Casa
  • MasCara: Tutti Usciamo Di Casa

    MasCara

    Loudvision:
    Lettori:

La prima passione

La new wave italiana stile Diaframma o i primi Litfiba ritorna anche nel 2012. E i MasCara, con il loro primo album, ci portano proprio all’interno di questa atmosfera cupa che, anche se esponenzialmente maggiore, ricorda da vicino il suono dark di Cure ed Editors.

La band pubblicò nel 2010 un EP (“Amore E Filosofia”) di discreto successo e ora, con “Tutti Usciamo Di Casa”, marca un’evidente maturazione risuonando più sinuosa e compatta.
Il sound sembra ruotare intorno alla voce, decisa ma pacata; l’accordo tra la strumentazione rende il tutto gradevole e cantabile.

Le tematiche sono interessanti e sembrano mettere in luce un passaggio, una maturazione, che porta la band a spingersi dal più adolescenziale “La Stanza” al brano “L’ultimo Viaggio Di Argo”, in cui si sfiorano tematiche di morte.
Il disco è ben fatto, corposo e maturo. I brani sono costruiti dalla passione, e quando si percepisce una qualità del genere in una band bisogna approfittarne.

Pro

Contro

Scroll To Top