Home > Recensioni > Massimo Volume: Il Nuotatore
  • Massimo Volume: Il Nuotatore

    42 Records / none

    Data di uscita: 01-02-2019

    Loudvision:
    Lettori:
    5 (100%) 2 vote[s]

Correlati

Sei anni, sei anni di attesa per il ritorno della band post rock bolognese guidata da Emidio Clementi. E l’attesa è assolutamente ripagata.
Il Nuotatore è il nome del quinto sacrificio letteral musicale di Massimo Volume, dal sapore visivamente e squisitamente sinestetico, a partire dal visibile riferimento al tema del bagnante nonché il profondo testo narrativo di John Cheever del 1964. Pubblicato l’1 febbraio con 42Records, l’album si presenta dal sapore squisitamente nostalgico, data l’impronta monolitica dello stile della band nostrana, che sembra quasi riecheggiare musiche dal passato non troppo recente.
Troviamo spiccare subito la sofferente Una voce a Orlando che collide con la più aggressiva. La ditta dell’acqua minerale al culmine quasi di una crisi psicologica, le cui linee di basso intessute dal Clementi emergono prepotentemente, così come in L’ultima notte del mondo dove ad emergere sono anche gli intrecci con le istanze profonde del chitarrista Sommacal.
Altro brano a spiccare è la ballad dalle tinte fosche ed alcoliche Fred (che gioca anche con la simbologia Fred-do), che assieme a Amica Prudenza sembrano il mix ideale di rappresentazione di cosa sia l’ipertrofia del Super Io umano.
Ci sentiamo di promuovere a pieni voti tutto l’intero lavoro per il carattere prettamente coerente e coeso dei brani, che lascia l’ascoltatore arricchito di quel senso sintetico di profondo malessere dei nostri tempi, col rischio di averne una visione prettamente più realistica e coglierne il vacuo senso.
Ma il senso non è poi così importante.

Tracklist
Una voce a Orlando
La ditta di acqua minerale
Amica prudenza
Il nuotatore
Nostra Signora del caso
L’ultima notte del mondo
Fred
Mia madre & la morte del gen. José Sanjurjo
Vedremo domani

 

di Domenico Raina

Pro

Contro

Scroll To Top