Home > Recensioni > Matrioska: Cemento
  • Matrioska: Cemento

    Matrioska

    Loudvision:
    Lettori:

Non solo ska

C’era questo nome che girava, un po’ di tempo fa, in giro per la Lombardia (e non solo). I Matrioska erano un nome che dava garanzia di bella musica e serate divertenti. Ecco, non si può che essere contenti che siano ritornati a calcare le strade e i palchi italiani. Dopo lo stop di due anni tra il 2008 e il 2010 e altri tre anni d’attesa eccoli ritornare definitivamente con il nuovo album “Cemento”, dieci tracce che spaziano tra diversi generi mantenendo sempre in sottofondo quel passo saltellante che sembra sempre avere una band di musica ska. Ma non è solo ska. Momenti molto rock si alternano anche a canzoni più riflessive, da schitarrate serali in notti d’estate, ballate dolci ed allegre che impreziosiscono l’album.

Sono bravi, divertono e si divertono. Nonostante gli anni di attività già alle spalle la voce di Antonio di Rocco mantiene una freschezza giovanile ma esperta, che si fonde alla perfezione con le sonorità della band. Potrà anche essere che magari non è quel grande lavoro innovativo nel genere, ma non interessa, perché dimostrano di saperci fare e di non essere per niente scontati. Come fiori che crescono nel cemento, un cemento che non uccide, per una volta.

Pro

Contro

Scroll To Top