Home > Recensioni > Matti Bye: This Forgotten Land
  • Matti Bye: This Forgotten Land

    Tona Serenad Records / none

    Data di uscita: 03-11-2017

    Loudvision:
    Lettori:

This Forgotten Land”, pubblicato il 3 novembre 2017 per Tona Serenad, è il titolo dell’ultimo album di Matti Bye, compositore, pianista, visionario svedese.

Sono pochi gli elementi scelti dal compositore per l’esecuzione musicale. In primo luogo il pianoforte, protagonista garbato della genesi di armonie eteree, astratte e sensibili che mai cedono la loro capacità di essere raggiungibili ad un’ovvia ideazione compositiva. Il resto riunisce gli archi, i rumori impercettibili e i sintetizzatori, come frammenti secondari e fondamentali al gradiente di unicità dell’album.
In “This Forgotten Land” quello che conta è l’armonia, delle note e dei silenzi, delle pause e delle dinamiche, della musica e dello spirito. Perché nella sua calma desolante riesce in un processo di purificazione contemplativo, accompagnandoci nell’arduo compito di rivolgere lo sguardo dentro noi stessi.

Attraverso questo minimalismo romantico Matti Bye, forte della sua esperienza di composizione di colonne sonore per film muti, ha voluto descrivere l’immagine di un paesaggio svuotato delle sovrastrutture moderne, delle stornanti esagerazioni, della frenetica corruzione di ogni giorno. È la colonna sonora di un evento immobile, perché “This Forgotten Land” è solenne nella sua capacità di evocare immagini ormai dimenticate. Infine, anche la scelta dei titoli (“Absence”, “Loneliness of Earth”, Cascading Sun”) ricorda il nome di paragrafi di un libro mistico e fantastico in cui ogni cosa sembra sospesa nel tempo impercettibile in un fragile equilibrio tra il ricordo e l’eterno oblio.
Un album per tutti che sarà per pochi, ma che ci teniamo fortemente a consigliarvi.

 

Pro

Contro

Scroll To Top