Home > Recensioni > Matyah: Milano
  • Matyah: Milano

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 12-07-2019

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

“Milano”, una città che porta con sé storie, timori, ambizioni e fallimenti. Inutile dire che non c’è titolo più azzeccato per il nuovo EP di Matyah, artista sardo con tre dischi all’attivo, che torna on line con questo nuovo lavoro anticipato dal singolo “Navigare” già disponibile dal 10 giugno su tutti i digital stores (del singolo stesso è disponibile anche il videoclip on line dal 13 giugno su youtube).
Quest’ultimo lavoro – totalmente autoprodotto – vede la collaborazione del chitarrista Antonio Fortunato nel brano “Stare qui”, inoltre lo stesso Matyah ha inciso le parti di sassofono nel brano “Spine”.
Già al primo ascolto risulta chiaro che la peculiarità di Matyah è la capacità di spaziare tra generi diversi e di mescolarli tra di loro, dando sempre vita a qualcosa di nuovo e originale.
In queste sei tracce lui è capace – attraverso i profondissimi testi e le imprevedibili scelte stilistiche – di portarci a spasso per Milano come se gli camminassimo affianco. “Cerco i miei spazi in fondo ringrazio salite e discese, perché ho potuto vedere ricchezze e miserie, ma per quanto siano belle e straordinarie le vedute aeree, l’oro puoi trovarlo solo giù nelle miniere” dice l’artista.
In questo disco lui racconta un condensato di esperienze, emozioni e momenti che hanno caratterizzato il suo percorso: dapprima una fuga dettata dalla voglia di sperimentare nuove strade e nuove opportunità nella metropoli del progresso e del futuro, seguita poi dall’acquisizione di una consapevolezza diversa, rinnovata, che si è conclusa con il ritorno nella sua terra natale.

di Carlo Capretta

Pro

Contro

Scroll To Top