Home > Report Live > Max Gazzè e il suo compleanno “sotto casa”

Max Gazzè e il suo compleanno “sotto casa”

Scaletta quanto mai ricca quella del Rock in Roma del 6 luglio, che prevede ben tre gruppi di apertura prima che sul palco arrivi Max Gazzè.

A dare inizio alle danze, infatti, ci sono Ilaria Graziano e Francesco Forni, che hanno portato molti dei brani contenuti nel loro primo disco insieme, “From Bedlam to Lenane”. In realtà i due sono tutt’altro che esordienti: Francesco Forni ha già firmato diverse colonne sonore, mentre Ilaria Graziano è nota soprattutto per le sue collaborazioni con Yoko Kanno. Le Iotatòla invece, sono un duo palermitano composto da Serena Ganci e Simona Norato, che tra un “Divento Viola e un “Principe Azzurro” hanno ben tenuto il palco con la loro ironia e l’ottimo sound.

A precedere Max Gazzè, Il Cile, nome d’arte di Lorenzo Cilembrini, un artista che ha collaborato spesso coi Negrita e ha fatto da apertura a nomi del calibro di Ben Harper e Cranberries, fino all’ultima partecipazione a Sanremo con “Le Parole Non Servono Più”. Che Il Cile sia abituato a palchi importanti si capisce fin dalla prima nota, quando tutto sembra fuorché intimidito dal palco del Rock in Roma. La platea in realtà non è ancor molto numerosa e per gran parte è inizialmente molto distratta. Il Cile, però, riesce prima ad avvicinarla e poi a coinvolgerla per farla scatenare con un movimentato inedito sul finale, “Baron Samedì”, prima di lasciare il palco all’attesissimo Max Gazzè.

Davanti a un caloroso pubblico che gli dà urla di benvenuto, Max Gazzè sceglie di non aprire il concerto con un brano del suo ultimo disco, “Sotto Casa”, ma con “Questo Forte Silenzio”, tratto da “Ognuno Fa Quello Che Gli Pare?” del 2001. I pezzi contenuti nell’ultimo disco comunque non tardano ad arrivare, e seguono subito “La Mia Libertà” e “E Tu Vai Via”.
Tra un “L’Amore Pensato” e un “Annina”, passata di poco la metà scaletta, arriva finalmente la presentazione del nuovo videoclip “I Tuoi maledettissimi Impegni”, che non delude le aspettative nostre e dei fans, e nel quale Max Gazzè dà una sua perla di saggezza in chiave ironica “Non puoi combattere il tempo, al limite lo puoi ammazzare“.

Max Gazzè scherza col suo pubblico sia col la musica che introducendo le canzoni. Quando arriva il momento di “Vento d’Estate”, la introduce dicendo «Avrei voluto invitare sul palco un carissimo amico con cui ho diviso diversi anni della mia vita, cantando insieme un brano che si intitola “Vento d’Estate” ma purtroppo è a Rimini, non so se a suonare o a fare il tricheco di mare…ma è come se fosse con noi!», così come prima di attaccare “Buon Compleanno” se la auto-dedica, visto che di là a poche ore è il suo 46° compleanno.

A circa due minuti dalla mezzanotte, infatti, in pieno bis, è il pubblico a prendere il controllo della situazione e, mentre Gazzè si appresta a presentare l’Euphoria Quartet e la P-Funking Band, una canzone di buon compleanno si leva dalla folla per fare gli auguri al cantautore romano nato il 6 luglio di 46 anni fa.

Alla fine del bis arriva anche una torta sul palco, di cui Max giura “Non ne sapevo nulla!” e le candeline vengono spente tra mille urla di buon compleanno. Max Gazzè chiede al suo pubblico di fargli un regalo che allo steso tempo è un piccolo esperimento: cantargli per intero il singolo sanremese “Sotto Casa”, dopo due ore di concerto nessuno può rifiutarsi e tutti i presenti, chi più preparato chi meno, iniziano a dare vita al desiderio di Gazzè.

Prima di lasciare il palco Max Gazzè si inchina verso l’orchestra e verso il pubblico, noi ci inchiniamo davanti alla sua Musica.

Scaletta Il Cile:

La Ragazza Dell’Inferno Accanto
Siamo Morti A Vent’Anni
I Tuoi Pugnali
Tamigi
Le Parole Non Servono Più
Il Nostro Duello
Il mio Incantesimo
Cemento Armato
Baron Samedì

Scaletta Max Gazzè:

Questo Forte Silenzio
La Mia Libertà
E Tu Vai Via
Vento d’Estate
A Cuore Scalzo
Il Timido Ubriaco
L’Amore Pensato
Eclissi Di Periferia
Annina
L’Uomo Più Furbo
L’Origine Del Mondo
Edera
I Tuoi Maledettissimi
Il Solito Sesso
Buon Compleanno
Il Bagliore Dato A Questo Sole
Colloquium Vitae
L’Ultimo Cielo
Cara Valentina
Sotto Casa

Bis:
Mentre Dormi
La Favola Di Adamo ed Eva
Una Musica Può Fare
Sotto Casa

Scroll To Top