Home > Recensioni > Mecca: Undeniable
  • Mecca: Undeniable

    Mecca

    Data di uscita: 01-01-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Rivolti alla Mecca

Secondo album per i Mecca, supergruppo che nel 2002 pubblicò semplicemente uno dei migliori dischi AOR di sempre. Nel 2011 alla corte del mecenate Joe Vana accorrono suo figlio Joey per chitarra e cori, Eric Ragno alle tastiere, un po’ di King Crimson e tanti altri interpreti di spessore. La scrittura dei brani ha in realtà inizio nel 2005, muovendosi su un sentiero tortuoso, anche per via della morte del co-produttore Bryan Mitchell.

Il risultato finale riporta ad un AOR d’autore, raffinato e pulito, con inserti west coast e abboccamenti hi tech.
La produzione curata è il degno corollario di liriche in cui echeggiano Toto e Pride Of Lions.

Dall’opener “Perfect World”, passando per “Closing Time” con le sue briciole funk e la best track “Did It For Love”, si giunge in fondo disco con una sensazione di pienezza. Ad attendervi sulla soglia dei titoli di coda c’è la calda “As I Wolk Alone”, piano e voce dalle tinte simil Freddy Mercury. E pur non riuscendo a eguagliare il suo predecessore, “Undeniable” è un album che mantiene una costante qualità, con alcuni episodi di assoluto spessore. Voto 7,5.

Pro

Contro

Scroll To Top