Home > Recensioni > Meg: Concerto imPerfetto
  • Meg: Concerto imPerfetto

    Multiformis / none

    Data di uscita: 29-09-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Uno dei vantaggi dell’essere artisticamente indipendente riguarda soprattutto la possibilità di gestire il tempo a proprio piacimento. Lo sa bene Maria Di Donna, in arte Meg: tre album e poche collaborazioni in ben quindici anni di attività lasciano infatti pensare che la cantante non lasci proprio nulla al caso. Il suo “Concerto imPerfetto”, uscito il 29 settembre per l’etichetta Multiformis, doppio cd registrato nel Settembre 2015 presso la Reggia di Venaria per festeggiare i vent’anni di carriera (iniziata con i 99 Posse nel 1997), ne è la prova lampante: la voce unica, il timbro oscuro, la dizione calcata, le melodie roboanti che uniscono innovazione e tradizione napoletana, il perfetto uso degli effetti vocali, rendono il progetto dal vivo di Meg una vera e propria esperienza uditiva.

Il cuore pulsante del live risiede nell’arrangiamento dei brani: se Mario Conte (Synthesizers, Simmons, Electronics) stende dei tappeti elettronici che fanno letteralmente “volare” la voce della cantante partenopea, Sebastiano De Gennaro (Percussions, Simmons, Vibraphone, Marimba, Glockenspiel) aggiunge dei suoni percussivi addizionali che rafforzano, tormentano, disturbano le programmazioni elettroniche. Nonostante la partenza sia un po’ debole (“concerto per”), dal secondo pezzo “il confine tra me e te” il cuore dell’ascoltatore vola sempre più in alto, atterrando solo alla fine di “distante”, pezzo di chiusura.

di Fabrizio Testa

Pro

Contro

Scroll To Top