Home > Recensioni > Mekong Delta: Intersections
  • Mekong Delta: Intersections

    Mekong Delta

    Data di uscita: 23-04-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Via la polvere

I tedeschi Mekong Delta incarnano il caos razionale del thrash metal. All’interno di “Intersections”, questa luce frastornante viene proiettata attraverso una vecchia – nuova decina di tracce.

Nel disco trovano posto infatti canzoni degli anni ’80 e ’90 ri-registrate dall’attuale line-up. Si tratta di una formazione che data al 2008, fatta eccezione per il bassista e fondatore Ralph Hubert. Le arcinote iniezioni di prog circolano nel corpo di brani dalla vocazione speed, proprio come vuole il marchio di questo gruppo che ha coniato uno stile personalissimo. I suoni sono moderni e puliti, la precisione di esecuzione assoluta.

Difficile concludere se sia meglio questo disco o i brani originali, data l’estrema volatilità dei tre quarti dei musicisti della band.

“Intersections” potrebbe essere annoverato come un disco a sé stante: è completo, autosufficiente, non pretende di somigliare a un best-of. Può darsi che il genere suoni arcigno e la voce del cantante Martin LeMar un po’ troppo vellutata. Lo stesso prodotto suscita qualche interrogativo del tipo: «Ok, tutto buono, ma le canzoni già le avevamo». Ora tornano in una veste nuova, ma fedele. Prendere o lasciare… prendere.

Pro

Contro

Scroll To Top