Home > Recensioni > Melampus: N°7
  • Melampus: N°7

    Locomotiv Records / audioglobe

    Data di uscita: 24-01-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Solo un anno fa i Melampus pubblicavano il loro disco d’esordio “Ode Road”, un album dalle sonorità decisamente goth wave. Ora tornano con il secondo album dall’ermetico titolo “N°7″. Un lavoro più maturo, con atmosfere più definite, che si avvicinano alla new wave e all’alternative rock. Una produzione da cui è stato eliminato tutto il superfluo e ridotta allo stretto necessario, per una durata complessiva di 31 minuti.
I Melampus si presentano con la seguente formazione: voce, chitarre e tastiera appartengono a Francesca Pizzo; batteria e loop a cura di Angelo Casarrubia. Il tutto nasce e viene registrato negli studi del Locomotiv Club di Bologna e la partecipazione di Moretto e D’Angelis degli A Toys Orchestra contribuisce a dare spessore alla produzione.

Mi stupisce sempre quando un duo è in grado di creare un universo musicale così complesso. Le immaginazioni di due sole persone che s’incontrano e si scontrano. Il risultato è un universo evocativo, fatto di richiami e di suggestioni. Una voce in grado di incantare e di stregare. Avete presente una notte scura, con solo la luna a illuminare la strada? Quando la paura comincia a farsi strada?  La voce di Francesca sembra fatta apposta per infondere coraggio, per cullare e per guidare i passi verso un posto sicuro.

Pro

Contro

Scroll To Top