Home > Recensioni > Mellow Hype: BlackenedWhite
  • Mellow Hype: BlackenedWhite

    Mellow Hype

    Loudvision:
    Lettori:

Fare peggio le cose meglio

Non che la costa ovest degli Stati Uniti sia nota come il brillante presente del rap da, uhm, più di dieci anni a questa parte?, ma i MellowHype sono una costola dell’OFWGKTA (anche: Odd Future Wolf Gang Kill Them All), il collettivo che si irradia intorno alla figura di Tyler, The Creator.

Vabè, in pratica: “BlackenedWhite” è una ristampa di una mixtape che era già scaricabile gratuitamente (e non decurtato di cinque pezzi) nel 2010.

Interessante commercialmente? In senso relativo, sì. Hodgy Beats e Left Brain, alias MellowHype, sono stati coccolati da Pitchfork, godono di collaborazioni illustri (Tyler, The Creator, si diceva, ma anche Domo Genesis, Mike G e l’ormai-svanito-nel-nulla Earl Sweatshirt) ed escono su un’etichetta non propriamente nota per il proprio orientamento hip hop.

Interessante artisticamente? Meh. “BlackenedWhite” su disco è un’uscita superflua, un po’ raffazzonata, che di certo non fa della varietà delle basi il suo punto di forza. È un lavoro acerbo, non disprezzabile – soprattutto quando si tratta del suo indiscusso punto di forza, ovvero la discesa agli inferi che è “64” – però speriamo davvero in quello che venne detto qui. E ora tutti a mangiare il torrone! Ci sono le Feste! Ciao!

Pro

Contro

Scroll To Top