Home > Recensioni > Mellow Hype: BlackenedWhite
  • Mellow Hype: BlackenedWhite

    Mellow Hype

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Fare peggio le cose meglio

Non che la costa ovest degli Stati Uniti sia nota come il brillante presente del rap da, uhm, più di dieci anni a questa parte?, ma i MellowHype sono una costola dell’OFWGKTA (anche: Odd Future Wolf Gang Kill Them All), il collettivo che si irradia intorno alla figura di Tyler, The Creator.

Vabè, in pratica: “BlackenedWhite” è una ristampa di una mixtape che era già scaricabile gratuitamente (e non decurtato di cinque pezzi) nel 2010.

Interessante commercialmente? In senso relativo, sì. Hodgy Beats e Left Brain, alias MellowHype, sono stati coccolati da Pitchfork, godono di collaborazioni illustri (Tyler, The Creator, si diceva, ma anche Domo Genesis, Mike G e l’ormai-svanito-nel-nulla Earl Sweatshirt) ed escono su un’etichetta non propriamente nota per il proprio orientamento hip hop.

Interessante artisticamente? Meh. “BlackenedWhite” su disco è un’uscita superflua, un po’ raffazzonata, che di certo non fa della varietà delle basi il suo punto di forza. È un lavoro acerbo, non disprezzabile – soprattutto quando si tratta del suo indiscusso punto di forza, ovvero la discesa agli inferi che è “64” – però speriamo davvero in quello che venne detto qui. E ora tutti a mangiare il torrone! Ci sono le Feste! Ciao!

Pro

Contro

Scroll To Top