Home > Recensioni > Mema: Mema
  • Mema: Mema

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 26-11-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Si chiama proprio “Mema” , l’omonimo album d’esordio del gruppo italiano originario dell’Oltrepò Pavese proposto, in anteprima nazionale, lo scorso 26 Novembre 2016 nella suggestiva cornice dell’antico Teatro Carbonetti di Broni (PV). Un primo appuntamento discografico per Elena Bonanata (voce), Andrea  Scano alle chitarre,  Maurizio  Desortes al basso e Marco  Ricotti alla batteria dopo Il Sole Non È Irraggiugibile, il fortunato EP d’esordio registrato tra i Pop’s Garage Studios di Emiliano Bassi e gli O.U.T. Side Studios di Michele Quaini. Mema è quindi il frutto maturo di un preciso progetto musicale sospeso tra più classico del cantautorato legato alla vecchia scuola italiana      ( forse anche troppo) a leggere influenze soft rock.

Con la copertina creata dall’artista  della  china Simone  Verdi che rimanda direttamente a quell’universo emotivo che i Mema sperimentano da sempre nelle loro canzoni,  l’omonimo album contiene nove brani (+ 1) simili a ballate poetiche, da Madre Luna che è un vero e proprio inno alla Musa per eccellenza ispiratrice dell’uomo, a Soltanto Per Te vera dichiarazione d’amore, posta come  metafora di abnegazione nei confronti della persona amata.  Il disco è delicato, senz’altro un’opera morbida da ascoltare, discreto, con pezzi validi ed altri meno interessanti.

Stilisticamente rispettoso, senza lode ne infamia.

Tracklist

Così sia

Madre Luna

Non Chiedo Niente

Favola d’Argento

Il Sole Non È Irraggiungibile

Vuoti d’Aria

Lasciami Sognare

Soltanto Per Te

Superman

 

 

Pro

Contro

Scroll To Top