Home > Recensioni > Menace: Impact Velocity
  • Menace: Impact Velocity

    Season Of Mist / none

    Data di uscita: 14-03-2014

    Loudvision:
    Lettori:

I Menace sono la band che rappresenta la sintesi delle variegate idee musicali del progetto solista di Mitch Harris (Napalm Death). L’album, intitolato “Impact Velocity”, descrive uno spazio musicale ricco di sonorità e stili che attingono a diversi generi e sottogeneri del metal ricreando una densità di forme musicali, riproposte attraverso un complessivo sound sperimentale ed innovativo.

Impact Velocity” è un concept che lancia l’ascoltatore, avvolto in una capsula sonora, in una dimensione che percorre uno spazio di ricordi, scenari disastrosi e dispersioni di materia. Un percorso che conduce ad una breve e intensa riflessione prima di impattare e sbriciolarsi su un ulteriore muro di suono.

Il singolo è “I live with your ghost” coinvolge ed è sicuramente di forte emotività, ma nel chorus ci sembra un po’ scontato.

Le idee musicali portanti del disco sono ricche, esse rispondono tutte ad una formazione di elementi e stili che, sinteticamente, vede coinvolti: riff death melodici, arpeggi e synth gothic, elettronica, ritmiche ed incastri più vicini al prog. La voce è ben elaborata con armonizzazioni e tinte metalliche. L’ambiente musicale creato dal disco è interessante con dinamiche ben scelte che danno una vera e propria profondità ai brani. Si può riscontrare un costante e fitto dialogo tra tensione e quiete che spesso si riavvolge su se stesso. La nostra capsula sonora si allontana e si avvicina al sole, in un contesto altalenante tra luce ed ombra che tende ad una deriva.

Durante l’ascolto ci si perde un po’, spesso ci si trova davanti ad un po’ di confusioni sonore. Questo è dovuto ad un frequente accavallamento di suoni che richiamano corto circuiti elettrici e, a sprazzi, sensazioni ipnotiche.

La track list contiene tredici brani, non pochi, ed ognuno di essi contiene piccole ed interessanti idee, alcune più valide altre meno. “Impact Velocity” è sicuramente un disco ben pensato e che in uno scenario di abbandono, desolazione e rabbia sembra lasciare una lieve speranza di un nuova linfa vitale: “As the sun rises a new page is turned” (una frase dal brano n 3. Multiple Clarity).

Pro

Contro

Scroll To Top