Home > Recensioni > MGR: Nova Lux
  • MGR: Nova Lux

    MGR

    Data di uscita: 09-05-2006

    Loudvision:
    Lettori:

Estro_versioni d’introversione

Ai pensieri impuri, preferiamo non dar voce. Li confiniamo negli angoli più bui della nostra anima, invisibili alla nostra coscienza intollerante… Con “Nova Lux”, hanno trovato spazio in un suono. Ed è quello, lasciate che la vostra mente visualizzi, delle infiltrazioni di sole attraverso una fitta coltre di nubi: momenti di magia chitarristica, poetica ed appassionata, ad alleggerire un’aria pesante di tangibile, perché oggettiva, solitudine elettronica. Il solo-project ambient di Mike Gallagher (Isis), interamente strumentale, si muove in una dimensione di telecinesi ove le note s’avvicinano e s’allontanano senza fretta, dando vita ad un’eterna, insolita danza circolare; ispirato ed austero, ci spiazza con un ermetismo emotivo carico di mistero e di parole taciute. “Mustard, Gas and Roses”: una gamma di esalazioni più o meno gradevoli, agenti esogeni a compensare l’assoluta mancanza di concretezza e, soprattutto, terrestrità del progetto.

Scroll To Top