Home > Recensioni > Miele: Occhi
  • Miele: Occhi

    Maciste Dischi / none

    Data di uscita: 12-02-2016

    Loudvision:
    Lettori:

E’ uscito il 12 febbraio 2016Occhi”, EP della cantautrice siciliana, Manuela Paruzzo, in arte Miele. Realizzato con l’ausilio di Andrea Rodini, il disco contiene al suo interno sette tracce (sei brani e una cover), tra questi troviamo il brano sanremese “Mentre Ti Parlo”.
Ma se con “Mentre Ti Parlo” erano già buone le premesse (nonostante la sua pasticciata eliminazione dal Festival)  il disco di Miele è veramente tanta roba. Ne viene fuori la carica di una grande artista che quasi “non sa che farsene della vittoria”, perché ha già vinto. Dopo l’apripista “Mentre Ti Parlo”, si passa a una simpatica filastrocca rock “M’ama o Non M’Ama” con dei “petali bugiardi che cambiano spesso idea”.  Arriva poi una bella e fulminante “Questa Strada”: una canzone che parla di lontananza da casa, ma del desiderio di libertà. Segue una profonda e unica (nonché romantica) “Mastica”. Brano dove si coglie una sorta di dipendenza da questo amore: “addomestica me, un cane randagio in cerca di te…”. Il tema dell’addomesticare è molto gradito.

Interessante e ben riuscita la cover di “Grande figlio di puttana” , un omaggio di Miele agli Stadio (1982)- tra l’altro vincitori nella categoria Big. Chiudono in bellezza l’emozionante “Gli Occhi Per Vedere” e “Parole Al Vento”, dove voce e piano sono le vere protagoniste di questo lavoro.

Consigliato l’ascolto. Il disco ci regala la dolcezza di una giovane artista che si mostra graffiante al punto giusto, e soprattutto mai relativa.

Pro

Contro

Scroll To Top