Home > Rubriche > Eventi > MIFF Awards 2016 | Il programma | Il cinema indipendente a Milano

MIFF Awards 2016 | Il programma | Il cinema indipendente a Milano

«L’unico Festival al mondo a puntate sui nomi, non sui titoli»: così Andrea Galante, presidente della Leonardo Da Vinci Film Society (LDVFS), ha descritto la XIV edizione del Film Festival Internazionale di Milano – MIFF Awards 2016, durante la conferenza stampa di presentazione del programma.

Dal 29 giugno al 27 luglio, infatti, a Milano i riflettori saranno puntati verso il cinema indipendente: ogni mercoledì sera, all’Anteo spazioCinema verranno presentati film e vincitori dei MIFF Awards, premiati alla presenza del pubblico, a sua volta chiamato per decretare il Miglior Film del Festival.

Ogni proiezione sarà preceduta dall’aperiMIFF, aperitivo a cura dell’Osteria del Cinema, che si potrà consumare in compagnia degli autori e degli attori presenti.

Un festival, il MIFF, che negli anni ha saputo reinvertasi, racchiudendo in sé le caratteristiche degli Awards, dei Festival e dei Film Market.

Basato, infatti, su criteri di selezione a candidature simili a quelli degli Academy Awards, premiando con il Cavallo di Leonardo non i film, ma i singoli individui che hanno contribuito alla sua realizzazione, il MIFF si concentra su nuove opere indipendenti, proponendosi di far conoscere al pubblico e ai distributori giovani talenti meritevoli.

A decretare i vincitori sono i membri della Leonardo Da Vinci Film Society, dopo aver visionato i film privatamente, lasciando che sia proprio il pubblico a vederli in anteprima in sala.

«Quando si celebra un Oscar, si è già arrivati al successo. I giovani, però, hanno bisogno di promozione all’inizio della loro carriera» ha spiegato Andrea Galante. «Abbiamo deciso di dare più spazio ai nomi dei film-maker perché i film sono la forma più collaborativa di arte esistente».

La particolare formula di questa edizione del MIFF è stata testata lo scorso anno, in concomitanza con Expo.

«Nell’edizione del 2015, in occasione di Expo, abbiamo testato una formula che si dilatava nel tempo, nell’arco di cinque o sei mesi» ha raccontato Galante. «È stata una bella sfida, perché il cinema in estate in Italia, generalmente, non funziona. Noi però abbiamo vinto la sfida, con sette serate in cui siamo riusciti a portare Expo fuori dall’Expo e a riempire le sale. Quest’anno ci riproviamo, con una formula più compatta».

Inoltre, quest’anno è stata introdotta una nuova categoria per premiare il Miglior Film in Lingua Italiana, premio andato a “Vieni a vivere a Napoli” di di Guido Lombardi, Francesco Prisco, Edoardo De Angelis, che sarà presentato a novembre all’American market Film di Los Angeles.

Alla Conferenza stampa erano presenti anche Carlo Bacchetta, direttore dello sviluppo commerciale per Carrefour, e Rino Moffa, editore di TVN Media Group, tra partner di questa edizione del MIFF, insieme a Anteo spazioCinema, Best Western Hotel and Restor e Jaguar Italia.

Per la prima volta, infatti, il Festival sarà sponsorizzato da Carrefour Market, che attiverà diverse iniziative rivolte ai proprio clienti, regalando presso i nuovi punti vendita Carrefour Market 24/7 2000 biglietti per assistere alle proiezioni e mettendo i palio, per ogni serata, un buono spesa da 100 euro che verrà assegnato ad uno spettatore.

MIFF Awards 2016 - Ariane Schluter in Accused - Lucia de B. di Paula van der Oest

Ariane Schluter in Accused – Lucia de B. di Paula van der Oest

Il programma dei MIFF Awards 2016 include sei film vincitori, tra cui il Miglior Documentario.

Ad aprire il Festival il 29 giugno sarà “Consumed – What are you eating”, vincitore dei premi alla Miglior Sceneggiatura (Daryl Wein e Zoe Lister-Jones) e al Miglior Attore Non Protagonista (Danny Glover). Si tratta del primo film di fiction a trattare la questione degli OGM.

Il 6 luglio verrà presentato “Despite the Falling Snow” di Shamim Sarif, dramma storico sulla guerra fredda che si è aggiudicato molti premi tecnici.

Il 13 luglio sarà la volta diAccused – Lucia de B.” di Paula van der Oes, storia vera di Lucia de Berk, infermiera accusata di plurimo omicidio e vittima della più grande ingiustizia giudiziaria olandese, premiato per la Miglior Regia, Attrice (Ariane Schluter) e Montaggio (Marcel Wijninga). Il film è stato presentato in anteprima al Bari International Film Festival.

Il 20 luglio verrà proiettato “Mothers and Daughters” di  Paul Duddridge e Nigel Levy, film corale interpretato da un cast di star, tra cui Sharon Stone, Christina Ricci, Selma Blair, Susan SarandonCourteney Cox e Mira Sorvino (vincitrice del premio come Miglior Attrice Non Protagonista).

L’italiano “Il nostro Ultimo”, road movie scritto e diretto di Ludovico Di Martino, con il giovane Miglior Attore Guglielmo Poggi, sarà presentato al pubblico di MIFF Awards il 27 luglio, insieme al documentario  “The Challenge” di Peter Williams, storia di un padre che partecipò ad una delle corse più difficili al mondo insieme al figlio affetto da distrofia di Duchenne.

Ogni proiezione sarà introdotta da un cortometraggio: “L’ultima Orazione” di Gustav Baldissimi, “Camping With Ada”, “Hello! I’m a Producer of Woody Allen”, premiati rispettivamente nelle categorie cortometraggi Italiani, 0-15 e 15-30, e le menzioni speciali “Respiro” e “Us”.

Per le informazioni su pass e biglietti, si rimanda al sito ufficiale dei MIFF Awards.

Scroll To Top