Home > Recensioni > Mina: Piccolino
  • Mina: Piccolino

    Mina

    Data di uscita: 22-11-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Compagna di viaggio

“Piccolino”. Questa l’ultima fatica di Mina, quarta in 25 mesi e accattivante fin dalla copertina.

Una Mina alienizzata, piena del fascino dell’ignoto, che trascende il contesto di riferimento per dominarlo. E ancora una volta Signora The Voice non delude scegliendo ampie partiture dal carattere fermo, prive di eccessi e voli sperimentali, tali da fissarsi nel tempo. Dà vita alle emozioni, a quegli umori sconfortati da giorni amari, alle condizioni umane, a noi.

Carico di una strana nostalgia, “Piccolino” in dieci tracce vede autori benedetti ed altri sconosciuti: Giuliano Sangiorgi, Franco Fasano, Andrea Mingardi, Giorgio Faletti ed altri ancora fino ad arrivare al debuttante nipote Axel Pani.

Dal blues incazzato di “Canzone Maledetta” alla classica eleganza de “L’uomo Dell’Autunno”, semplici brani diventano un momento musicale da cui farsi avvolgere e cullare. Ed è così che l’Ugola nazionale diventa la nostra compagna di viaggio. Perché il fascino di Mina non sta solo nel primo ascolto delle sue canzoni, nel carattere che ne viene fuori in quell’istante preciso, ma nella perfetta sintesi del suo intero essere, di musica e parole, che rilascia una sorta di droga e genera un legame tale che, al più classico dei suoi modi, ci porta a chiederne “ancora, ancora…”.

Pro

Contro

Scroll To Top