Home > Recensioni > Mini K Bros: L’Ultimo
  • Mini K Bros: L’Ultimo

    Mini K Bros

    Data di uscita: 01-01-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Gimme Five!

Mini K e Mastro si sono incontrati nel 1999 per le strade di Roma e da quel momento non si sono più separati.

Entrambi polistrumentisti, hanno unito le forze e sono arrivati, oggi, alla pubblicazione del loro primo disco: “L’Ultimo”. Un crossover di funky, hip hop, rock e pop tutto italiano, anche d’annata. Un mix tra Gemelli Diversi, Piotta e Daniele Silvestri, volendo approssimare. Soprattutto, però, un disco suonato.

A partire dall’opener “Ahoo”, una dichiarazione di romanità e di amore tra il serio e il faceto dove piatti da DJ e melodie ritmate prendono sotto braccio chitarre funkeggianti, e passando attraverso la leggerezza levante di “Dimmi Tu”, il gioco è fatto. E anche se il platter è costellato di momenti meno originali, come “Traffico Di Roma”, che sembra aver preso in prestito le chitarre da “London Calling” dei Clash, e “L’Ultimo”, con il suo ritornello in perfetto stile Vasco, si apprezzano gli arrangiamenti e le interpretazioni del combo capitolino.

La conclusione è che i Mini K Bros non hanno proprio niente da invidiare a chi è ormai universalmente riconosciuto come arrivato nei canali principali nostrani.
E chi ben comincia, a meno di imprevisti, è a metà dell’opera.

Scroll To Top