Home > Recensioni > Minnie’s: L’Esercizio Delle Distanze
  • Minnie’s: L’Esercizio Delle Distanze

    Minnie’s

    Loudvision:
    Lettori:

Don’t call me emo

Una delle più importanti e radicate band della scena punk rock italiana sono certamente i Minnie’s, che calcano i palchi italiani e non solo dal 1995. Nel 2009 è uscito il loro ultimo disco “L’Esercizio Delle Distanze”, un lavoro che ha certamente il pregio di dimostrare come il punk rock melodico possa scrollarsi di dosso quelle frettolose etichette che lo tacciano per banale, disimpegnato ed adolescenziale.

Il disco affronta varie tematiche: la vita, la morte, gli affetti, la collettività perduta ma sempre ricercata e, più in generale, sembra come un monito ad andare avanti, a proseguire per la propria strada sempre a testa alta. Come non dar loro retta?

Il disco è fresco, non banale e molto curato, sia nei suoni che più in generale nella fattura dei pezzi. Ottime prove sono la cover del brano “Senza Paura”, con la collaborazione de Il Genio, accattivante quanto basta per restare in testa ed essere canticchiata in macchina, e “Milano È Peggio”, nostalgico ritratto della loro città natale.

Mossa azzardata invece è la reinterpretazione del brano “Death Or Glory” dei Clash, che potrà far storcere moltissimo il naso a qualche fan della band di Joe Strummer. Ma in fondo è una reinterpretazione, si può dire che si tratta quasi di un’altra canzone. Il risultato complessivo è comunque più che buono.

Pro

Contro

Scroll To Top