Home > Recensioni > Miura: 3
  • Miura: 3

    Miura

    Data di uscita: 07-11-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Il numero perfetto

Stava per passare inosservato ai nostri timpani stracolmi. E sarebbe stato un sacrilegio perché questo terzo album dei Miura è come un oggetto nascosto in una vetrina, che al primo sguardo fugace forse non attira la attenzione ma alla fine rimane dentro come un primo bacio frettoloso; e sai che devi portarlo via da quel negozio e farlo tuo.

“3″ scorre liscio come una ballerina che gira al ritmo stonato di un carillon.
La produzione artistica è affidata a Giacomo Fiorenza, esperto di emozioni musicali, e nella canzone che apre il CD (“Io, Nella Capsula Del Tempo”) si sente già il desiderio di trasmettere vibrazioni positive; ottimo preludio al secondo pezzo che meriterebbe una recensione positiva a parte.

Il carillon Miura continua a far girare la ballerina, e “3″ è un susseguirsi di arpeggi di chitarre, suoni e dettagli curati al massimo.
L’ultima traccia, “Stalker”, è un pezzo strumentale cupo che dona al lavoro un suono diverso e curioso.

Vi ricordate i Timoria? Diego Galeri e Illorca che in passato hanno avuto l’onore di suonare “Senza Vento” ora fanno parte dei Miura (progetto distante e ben diverso dai Timoria) e mettono tutta la loro esperienza accumulata nel tempo in questo nuovo loro progetto affiancati dalla voce di Max Tordini e dalla chitarra di Killa.

Galeri ha creato anche una casa discografica (Prismopaco) con la quale ha pubblicato gli ultimi due album targati Miura e i progetti musicali Stoop e i Kitsch, che stanno portando consensi positivi nei loro riguardi.
Insomma, un bel movimento musicale da tenere d’occhio, pronto a regalare grandi soddisfazioni.

Pro

Contro

Scroll To Top