Home > Recensioni > Miyavi: Live in London 2011
  • Miyavi: Live in London 2011

    Miyavi

    Loudvision:
    Lettori:

L’Hattori Hanzo con la chitarra

Takamasa Ishihara, oltre a essere un eccentrico nipponico, è pure un chitarrista virtuoso, un produttore, un cantautore, un attore e persino un ballerino. Ma per ora ci interessa la sua vita musicale.

La EMI ha deciso di rilasciare un live londinese dell’artista poliedrico: un modo per affermare che costui non è una statuina da studio, bensì un fenomeno da palcoscenico. In ogni pennata, in ogni singulto delle corde c’è energia che sprizza e si trasmette al pubblico con una velocità spaventosa. Non a caso gli urletti del pubblico femminile vanno verso un climax ascendente.

Ormoni a parte, pure le percussioni ci si mettono d’impegno per sollecitare l’angla folla, creando ritmi esuberanti e fuori dalle righe su cui la voce roca del giapponese si diverte a oscillare.

Anche in questo caso si tratta di due dischi, sommati i quali si ottengono diciotto brani non tanto live, quanto piuttosto vivi nel vero senso della parola.
Essendo Miyavi un virtuoso, non tutti ameranno la sua arte – come del resto è giusto che sia. Gli sboroni della chitarra, invece, non staranno più nella pelle.

Pro

Contro

Scroll To Top