Home > Recensioni > Molly Hatchet: Greatest Hits II – The South Has Risen Again
  • Molly Hatchet: Greatest Hits II – The South Has Risen Again

    Molly Hatchet

    Loudvision:
    Lettori:

Il Sud è risorto per la seconda volta

La cara Molly tagliateste compie 35 anni di carriera e celebra con un secondo Greatest Hits che ripercorre il meglio dal primo episodio del 1985 in poi. Il doppio CD è in vendita al prezzo di uno singolo, trasuda chitarroso hard southern rock e ci regala l’inedito “Sacred Ground”.

Il best of vero e proprio è racchiuso nel primo dischetto, mentre il secondo è un succoso live che contiene i classiconi della band. Non ci sono novità o sperimentazioni, solo il sanguigno southern rock vagamente metallico tipico del combo. In definitiva un buon compromesso per conoscere la seconda parte della carriera della band.

Ottima la versione semi-unplugged della ballatona “Fall Of The Peacemakers” e senza tempo le sonorità delle chitarre di Bobby Ingram.

Cosa c’è di meglio per rinfrancarsi ogni tanto che rispolverare un po’ di cafonissimo southern rock?
Musica buzzurra e muscolosa ma sincera e senza fronzoli che congiunge il blues con il rock n’ roll più puro e lo riconfigura con influenze country parlando di cose semplici.
Giusto come scusa per aver qualcosa da cantare in ritornelli orecchiabili tra una fuga di chitarra e l’altra.
One Southern.

Pro

Contro

Scroll To Top