Home > Recensioni > Molotoy: The Most Intelligent Child
  • Molotoy: The Most Intelligent Child

    Kibumi Records / none

    Data di uscita: 27-10-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Si intitola The Most Intelligent Child  il nuovo prodotto discografico dei  Molotoy con Kibumi Records. L’album in uscita il 27 ottobre 2016 migliora ulteriormente quanto di credibile il trio romano aveva già lasciato intravedere col debutto di tre anni fa sia nel loro primo disco The Low Cost Experience (Modern life, distribuzione Audioglobe), che  durante gli affascinanti  live in giro per l’Italia.

Struggenti esecuzioni al pianoforte, un abbellimento estetico, le ospitate di The Niro e di Eeris ad arricchire la title-track, Disappear e Float.

The Most Intelligent Child contiene undici composizioni simili a bagliori che annebbiano e, quando meno te lo aspetti, ipnotizzano. Un sound che strilla l’occhio all’ elettronica, al post-rock e a suoni strumentali potenti, come in  Monster e InIsvizzera.  Float (feat. Eeris)  fa venire i brividi, con una voce penetrante come molecole cosmiche che evocano ad esplosioni astrali, il cui video  riporta alla mente le sequenze di One Got Fat, pellicola del 1963 caduta nell’oblio , diretta da Dale Jennings. L’intero album è un esperimento che può piacere o meno ma è un chiaro piccolo capolavoro.

The Most Intelligent Child è gonfio di suggestioni sonore dove la forma  estetica si modella lasciando riempire i vuoti emotivi,  un disco che cattura i pensieri.

Tracklist:

1. Human Race

2. Monster

3. Time

4. Kaleidoscope

5. Float (feat. Eeris)

6. Ruches

7. InIsvizzera

8. Disappear (feat. The Niro)

9. Allunaggio

10. When I hit atmosphere…

11.  …I’ll Burn Like A Meteor

 

I Molotoy sono:
Andrea Buttafuoco (basso, synth, programming)
Andrea Minichilli (violino, chitarra, piano)
Sergio Tentella (batteria)

Pro

Contro

Scroll To Top