Home > Recensioni > Mono Inc.: Pain, Love & Poetry
  • Mono Inc.: Pain, Love & Poetry

    Mono Inc.

    Data di uscita: 05-09-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Dark poetry

Quale miglior titolo, se non “Love, Pain And Poetry”, per una band gothic rock/industrial come i teutonici Mono Inc.? Una scelta assolutamente azzeccata per la realtà musicale in cui si inseriscono i nostri, costellata di atmosfere crepuscolari e scelte style-istiche (date un’occhiata al booklet) assolutamente in linea con l’intramontabile scena dark europea.

Un panorama romantico e decadente, in cui le tinte scure delle liriche e dei bassi sfumano in melodie orecchiabili e ritornelli catchy, eludendo l’iniziale pregiudizio depressivo che circonda, e in parte caratterizza, produzioni di tale fattura.
Filo conduttore, quasi narrante, dell’album è la voce baritonale di Martin Engler, mastermind della formazione, che ben si adatta sia alle sezioni più ritmate (dalla title track a “This Is The Day” alla cover dei D-A-D “Sleeping My Day Away”) che agli intermezzi acustici definiti da ballad come “Teach Me To Love”, in cui duetta con l’ex-Xandria Lisa Middelhauve. Anche le backvocals femminili, a cura della batterista Katha Mia, costellano di piacevoli scintillii argentati l’incanto notturno dei Mono Inc.

L’attenzione rimane alta fino alla fine, il substrato pop dei pezzi li rende carezzevoli all’udito e, strano a dirsi, anche all’umore. Benché l’originalità, è bene saperlo, risieda in altri alloggi, “Love, Pain And Poetry” si accomoda spassosamente su una delle seggiole nelle prime file dell’underground teutonico.

Scroll To Top