Home > Recensioni > Moostroo: Moostroo
  • Moostroo: Moostroo

    Autoprodotto / 2roads

    Data di uscita: 11-03-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Cosa potrebbe accadere se tre componenti della band bergamasca Jabberwocky decidessero di intraprendere un sentiero di bosco sterrato e oscuro? Ne nascerebbe Moostroo: nuovo nome per un nuovo progetto e nuovo album, autoprodotto. Un post-punk di provincia, grezzo sia nella musica che nei testi volutamente diretti, perchè i bergamaschi hanno poco da giraci attorno, colpiscono senza mezzi termini come la paura e la rabbia ci colpiscono travestite da orrendi mostri nei nostri incubi: sono le deformità di un paese che si sente ripugnante, ma sa e vuole ancora amare. “Se muore l’amore, la vita è un dispetto”.

All’ascolto pare chiaro di quanto il “monstruosus trio” sia decisamente esperto in fatto di musica: il loro sound è il prodotto di 20 anni di carriera, caratterizzato dall’eccellente basso a due corde e una batteria volutamente scarna ma che non perde assolutamente di potenza. I testi sono incisivi e a volte sono velati di derisione pungente, il che colpisce l’ascoltatore in modo ancora più tagliente. Il cantato ha la sua particolarità, anche se i pezzi in inglese fanno perdere notevolmente di efficacia.

Pro

Contro

Scroll To Top