Home > Recensioni > Morgan: Italian Songbook vol. 2
  • Morgan: Italian Songbook vol. 2

    Morgan

    Loudvision:
    Lettori:

Il professore fa il furbetto

È fin troppo facile tenere lezioni di storia della musica al pubblico di X-Factor. Eppure Morgan in quelle acque ci sguazza con gusto ammirevole.

Per non vederlo in cattedra basta cambiare canale, ma la curiosità del disco intitolato “Italian Songbook Vol. 2″ sarà venuta a molti. Anche a chi ha buttato il telecomando.

Quindici brani, tra i quali due inediti decisamente poco accattivanti. A differenza delle due facce del precedente “Italian Songbook vol. 1″, qui compare solo una rivisitazione in inglese, il resto è la furba operazione del riprendere gli splendori che furono della musica italiana e renderla nota al grande pubblico.

In un momento di estrema sincerità mr. Castoldi ci potrebbe parlare del suo come di un disco facile, per il quale non è servito mettere in moto idee né musiche.
Ma se il compito di chi scrive è strutturare critiche in risposta alla presentazione ufficiale di un lavoro discografico marchiato Columbia, allora occorre dare merito agli arrangiamenti e al tempo stesso accendere la curiosità sulla scelta dei brani. Far sì, dunque, che il lavoro da professore sia tempo ben speso per far crescere le coscienze di chi – magari – crede che la musica sia merito della tivvù.

Pro

Contro

Scroll To Top