Home > Recensioni > Morning Telefilm: O Time

Alternativa valida

Emanuele Gatti ha scelto di fare il solista. Da Padova con affetto e, soprattutto, con chitarra.
Il genere? Un misto tra il dream pop, etereo e puro, l’elettronica densa di sampler e sintetizzatori, il folk e l’acustica.
Dieci brani di musica incantata e disincantata al contempo, dove il tintinnio della nostalgia cade laddove l’atmosfera si fa più spensierata e leggera. In modo antitetico, ma coerente.
I testi, rigorosamente in inglese, parlano di oggetti appartenenti al mondo della quotidianità e delle persone che lo popolano, nonché in qualche maniera collegate all’esperienza del cantautore italiano.

Una perla per la nicchia, una stramberia per il mainstream.

“Wax”, “Wide Smile” e “The Meaning Of These Scraps” sono forse le tracce più significative dal punto di vista degli arrangiamenti e dell’inventiva del solo project. Ciò che le accomuna è la capacità di disilludere l’audience in poche mosse, dopo un inizio fiabesco e di positività portata all’estremo.
Questa versatilità, ovviamente, non può che contribuire alla riuscita del lavoro.

Pro

Contro

Scroll To Top