Home > Recensioni > Mostly Autumn: Go Well Diamond Heart
  • Mostly Autumn: Go Well Diamond Heart

    Mostly Autumn

    Loudvision:
    Lettori:

Folk prog per le vostre orecchie

Si dice che i Mostly Autumn piacciano molto ai fan dei Pink Floyd. Forse proprio per questo il titolo del lopro ultimo lavoro occhieggia, giusto per farlo notare (ma solo un po’), alla grande band britannica. Il genere dei Mostly Autumn è infatti il progressive, ma versato all’acustico. A ricordare più che tutto i Pink Floyd è la chitarra elettrica di Bryan Josh. Molti pezzi, su tutti “Back To Life”, sono folkprog, addirittura medievaleggiante. Farà anche piacere sapere che esistono ancora band che fanno assoli da cinque minuti di chitarra elettrica a chiusura pezzo (si veda “Hold The Sun”), a rassicurare i nostalgici.

I Mostly Autumn si collocano, senza infamia e senza lode, in una correntona medievaleggiante, con voci femminili evocative e chitarrrone scandite, soffuse da arrangiamenti di piano e voci da coretto. Uno stile epico che, negli anni, continua ad avere i suoi estimatori. D’altro canto, c’è anche chi fa ancora i video in cima a dirupi con il vento nei capelli.

Pro

Contro

Scroll To Top