Home > Rubriche > Eventi > Mostra del Cinema di Venezia 2011: Quando la notte fa ridere

Mostra del Cinema di Venezia 2011: Quando la notte fa ridere

Si ride durante la proiezione mattutina per la stampa di “Quando La Notte“, il nuovo film di Cristina Comencini in concorso alla 68. Mostra del Cinema di Venezia.
Risate, applausi ironici e fischi finali per una pellicola che in realtà è in linea con lo stile degli altri drammi diretti dalla regista (“Il Più Bel Giorno della Mia Vita”, “La Bestia nel Cuore”): un tema complesso – in questo caso la maternità e il rapporto madre-figlio – viene messo al centro del racconto lasciando che ogni personaggio ne rappresenti, in modo spesso un po’ meccanico, una sfaccettatura particolare.

La sceneggiatura, scritta dalla Comencini con Doriana Leondeff, non riesce però a mettere davvero in scena e a drammatizzare un argomento così delicato, bello e appassionante, ma si limita a illustrarlo con dialoghi e sentenze più adatti alla rubrica di un settimanale femminile che a un’opera in competizione a una mostra “d’arte cinematografica”.

Dispiace vedere un attore creativo, carismatico e capacissimo come Filippo Timi deriso sul grande schermo di una proiezione veneziana e forse, paradossalmente, con un interprete più anonimo la comicità involontaria di “Quando La Notte” sarebbe stata meno forte. Tuttavia, davanti alle possibilità espressive di Timi sprecate su battute prevedibili, improbabili e alle quali non si riesce mai a credere fino in fondo, viene solo da domandarsi “perché?”.

Scroll To Top