Home > Recensioni > Motörhead: Bad Magic
  • Motörhead: Bad Magic

    UDR MUSIC / Self

    Data di uscita: 28-08-2015

    Loudvision:
    Lettori:

“Bad Magic”? Sin dal titolo, il disco del quarantennale dei Motörhead avrebbe potuto lasciar trapelare qualcosa sulle difficoltà crescenti di Lemmy nella conservazione di sé medesimo. E invece no: nei solchi del nuovo album, a voler cercare, c’è qualche evidenza della fragilità vocale del cantante. Per il resto solo hard rock dalle venature metalliche e (meno del solito) blues, come d’abitudine.

La potenza si sposa al meglio con i brani più tirati: non solo “Thunder & Lightning”, ma anche “Shoot Out All Of Your Lights” e “Teach Them How To Bleed” spintonano e fanno pregustare il polverone da concerto. A questo tipo di tracce si alternano quelle più ritmate (“Fire Storm Hotel”, “The Devil”), che accarezzano il freno a pedale e si reggono sul muro di distorsioni. La compattezza del lavoro – la sua scorrevolezza! – sembra il tocco del compositore consumato per mettere a tacere la critica annoiata. Potere anche della brevità dei brani e degli assoli veloci.

Anch’essa puntuale, la semi-ballad di turno “Till The End” preferisce il rock al blues e prende alla gola con la sua nevrotica malinconia. Infine – abbastanza personalizzata da meritare il posto in scaletta – fa mostra di sé la cover di “Sympathy For The Devil”.

“Bad Magic” non marcherà in maniera indelebile il catalogo delle pubblicazioni hard ‘n’ heavy 2015, ma funziona meglio di “Aftershock”.

Pro

Contro

Scroll To Top