Home > Recensioni > Mr. Milk: Mr. Milk
  • Mr. Milk: Mr. Milk

    Mr. Milk

    Loudvision:
    Lettori:

Lazzaro, alzati e cammina!

… ed egli si alzò.
Il signor latte lo ammette: è un uomo orso, che ama stare nella propria stanza a comporre canzoni e suonarle davanti a una telecamera per farci qualche video da caricare su youtube. Qualcuno l’ha tirato per la giacchetta ed il risultato è stato un LP intimista e caloroso, capace di emozionare in modi completamente differenti l’uno dall’altro chi sta all’ascolto.

Con una chitarra acustica in mano e una voce da omone tenero in gola, le dodici canzoni – cantate volutamente in inglese – si colorano di malinconia, più pesante in alcuni tratti, più leggera e tendente alla spensieratezza sul finire.

Ciò che conta sono i sentimenti, puri e innocenti, quasi come se Mr. Milk non fosse mai stato corrotto dalla realtà esterna.

“Uno svogliato esploratore immobile che avrebbe preferito avere gli occhi verdi, fare di mestiere il ladro, e baciare sconosciute bellissime”.
A questo agognava il cantautore italiano, ma forse è meglio che non si sia ancora realizzato concretamente. Il costo della mancata carriera sarebbe stato una perdita enorme dal punto di vista musicale.

Pro

Contro

Scroll To Top