concerti

 
Subsonica (Roma) 30/04/2012
Subsonica (Roma)
1802 letture
Data Concerto: 28/04/2012
Città: Roma
Locale: Palalottomatica
  • Stampa
  • Invia ad un amico
  • Condividi in rete
Questo articolo mi piace (temistocle, Alberto, FrancescaSapia) non mi piace

Uno jumpa nel passato

Di concerti dei Subsonica ne ho visti tanti e nei posti più diversi ma mai avrei pensato di dover imbrogliare la sicurezza e infilarmi in un settore non mio perché dal posto che mi era stato assegnato non sarei riuscita a vedere altro che un palo, per non parlare dell'acustica.

Il concerto inizia con solo mezz'ora di ritardo rispetto all'orario segnato in un palazzetto ancora illuminato come se non dovesse succedere proprio niente. Ma qualcosa accade e le note di "Come Se" arrivano a infuocare l'ambiente e l'ugola di molti presenti che accolgono il pezzo con un urlo.

La prima parte del concerto è tutta dedicata a brani tratti dal primo disco del gruppo torinese, "Subsonica", con l'arrivo del primo bassista, Pierfunk che si unisce alla sua vecchia band per "Radioestensioni" e "Giungla Nord" per poi duettare con Bass Vicio, attuale bassista dei Subsonica, in una versione a due bassi di "Per Un'Ora D'Amore".

Dopo un veloce cambio palco e abito, si arriva al 2005 con "Ratto", per poi tornare indietro a uno dei dischi più amati dei Subsonica, se non il più amato in assoluto, "Microchip Emozionale". Il passaggio da "Liberi Tutti" a "Il Diluvio" ci riporta al presente della band ricordando le sagge parole del ritornello di "Benzina Ogoshi", che recita "non siete riusciti a bissare un microchip emozionale", nonostante "Eden" sia un buon disco molto superiore a quanto in circolo attualmente nel panorama musicale, soprattutto italiano.

Il pubblico è molto variegato e sono in tanti quelli che ad occhio non possono essere stati ai primi concerti dei Subsonica, anche se, per chi li segue dalla loro nascita, il paragone nasce spontaneo. Inutile dire che quella che si è vista sul palco è una band con una coscienza di sé molto diversa rispetto agli esordi, ma anche se non sono più esattamente dei ragazzini e danno la sensazione di sentirsi un po' star a volte, riescono sempre a sprigionare un'energia dirompente per cui non è facile restare fermi al grido di "Jumpa!".

Setlist

"Come Se"
"Cose Che Non Ho" (intervallata dalla sigla di Daitarn 3)
"Istantanee"
"Onde Quadre"
"Radioestensioni"
"Giungla Nord"
"Per Un'Ora D'Amore"
"Funkstar"
"Tutti I Miei Sbagli"

"Ratto"
"Aurora Sogna"
"Depre"
"Liberi Tutti"
"Il Diluvio"
"L'Errore"
"Tu Menti"
"Colpo Di Pistola"
"Istrice"

Bis:

"Cielo Su Torino"
"La Glaciazione"
"Disco Labirinto"
"Nuvole Rapide"
"Nuova Ossessione"
"Up Patriot To Arm"
"Tutti I Miei Sbagli"
"Preso Blu"
"Benzina Ogoshi"
"Nicotina Groove"

COMMENTI


Questo articolo mi piace (temistocle, Alberto, FrancescaSapia) non mi piace

Invia un commento

Se sei iscritto a LoudVision effettua il login.

Altrimenti registrati qui


PROPAGANDA


APPROFONDIMENTI

In questa colonna trovi gli approfondimenti collegati all'articolo che stai leggendo

VIDEO


Subsonica Il Vento
Guarda a pagina intera

FOTO


CONNECTION


chiudi
apri