recensioni

 
Blind Guardian: At The Edge Of Time 26/07/2010
Blind Guardian: At The Edge Of Time
4119 letture
Anno: 2010
Etichetta: Nuclear Blast
Distribuzione: Warner
  • Stampa
  • Invia ad un amico
  • Condividi in rete
Questo articolo mi piace (metalhead, scarface) non mi piace

VOTO

9/10

VOTO VISITATORI

8.0/101 utente ha votato questo disco

VOTA QUESTO DISCO

The road goes ever on...

Un suggestivo intro orchestrale apre quello che è probabilmente l'album migliore dei Blind Guardian dopo "Imagination From The Other Side" e "Nightfall In Middle-Earth".
"At The Edge Of Time" è la summa dell'opera del gruppo tedesco: insieme da più di 20 anni e con pochissimi cambi di formazione, tornano con una produzione megagalattica, alle quali ormai ci avevano abituato, impreziosita da partiture classiche autentiche.

I pezzi, complessi e lunghi, ripercorrono tutta la carriera dei Blind: "Ride Into Obsession" ricorda lo stile di "A Night At The Opera" e "Road Of No Release" riporta alla mente le atmosfere di "Imagination..." e di "Nightfall...". Eppure, il songwriting rimane fresco e prezioso, mai stancante, complice il fatto che le parti strumentali sono state registrate in presa diretta, conferendo dinamicità all'insieme.

ONE LOUDER

Possono piacere o non piacere (geniali - hanno inventato il power, vs che palle - scaletta sempre uguale ai concerti, canzoni che non riescono a riprodurre dal vivo), ma è innegabile che i Blind Guardian siano nel cuore di tutti i metallers.
Ogni volta che tornano sono un po' come Babbo Natale: puoi crederci oppure no, ma è sempre bello ricevere dei regali! Fanno parte della nostra storia, così come i dolcetti preferiti che ci preparava la nonna sono parte di noi. Non a caso, si dice che abbiano inventato il cake metal... tooortaaaa... (slurp).

PRO

  • Produzione perfetta, che si avvale dei migliori ingegneri del suono.
  • Pregevole lavoro di ricerca nella scrittura dei testi.
  • "War Of Thrones" e "Curse My Name" affiancheranno di sicuro "The Bard's Song (In The Forest)" nei cori live.

CONTRO

  • Pezzi lunghi e difficilmente assimilabili.
  • Come riprodurre tale complessità dal vivo?

COMMENTI


Questo articolo mi piace (metalhead, scarface) non mi piace
Avatar
30/08/2010

però stavolta sai che hanno usato un'orchestra vera? Che riescano a riprodurre live, forse, solo un decimo di quello che c'è sul cd è vero, in questo sono d'accordo con te...

[ Cita questo commento ]
0
0

Avatar
30/08/2010 - Voto: 8/10

ok, sono i blind guardian. Un disco infarcito fin oltre l'orlo di artifici da studio, copertina stereotipata oltre misura, il basso che se non c'è è ovviamente lo stesso, superlavoro garantito per synth e tastiere quando sarà il momento del tour. L'hard 'n heavy (power compreso) non nasce come musica per animali da palcoscenico? Ma tanto l'ispirazione corre a fiotti e va bene così

[ Cita questo commento ]
0
1

Invia un commento

Se sei iscritto a LoudVision effettua il login.

Altrimenti registrati qui


PROPAGANDA


APPROFONDIMENTI

In questa colonna trovi gli approfondimenti collegati all'articolo che stai leggendo

VIDEO


Blind Guardian Sacred
Guarda a pagina intera

FOTO


  • Blind Guardian
  • Blind Guardian
  • Blind Guardian

CONNECTION


Demons & Wizards

side-project di Hansi Kursch

Iced Earth

band principale di Jon Shaffer, collega di Hansi Kursch nel Demons & Wizards.

WEB
chiudi
apri