Home > Report Live > Musica per Diva…garsi: i Diva presentano il disco d’esordio a Milano, report live

Musica per Diva…garsi: i Diva presentano il disco d’esordio a Milano, report live

Evadiamo un attimo dal ciclone modaiolo indie del momento e abbracciamo forte i Diva e il loro pop vintage. Nonostante la pioggia uggiosa meneghina e questa primavera sofferta che in realtà non è mai arrivata del tutto, lo Zog di Milano si è rianimato grazie alla musica di Davide Golin, autore e cantante vicentino. Dobbiamo proprio abbracciarlo, e volergli bene perché ha investito il suo tempo in un progetto completamente nuovo, alternativo. Di quelli che non si ascoltavano da tempo e che lascia intendere quanto la scena italiana abbia dei buchi neri. Non è stato difficile riuscire a creare l’atmosfera giusta per trasformare (e riempire) un piccolo locale di Milano in una vera e propria serata dance. Pantaloncini e magliettina rossa, occhiali da sole: nessuno può impedirgli di spiccare il volo. Canzoni dal piglio esuberante, fresche e leggere che non rubano spazio alle parole. I testi, infatti, sono unici nel panorama italiano: semplici, ironici, adatti a una serata dove la voglia di ballare è tanta.
Lo showcase è stato occasione per presentare dal vivo “Divadelica”, disco d’esordio uscito lo scorso 18 maggio per INRI e anticipato dal singolo singolo “Il paradiso su Retequattro”. L’album arriva dopo una lunga gestazione come spiega lo stesso Golin: “Dentro c’è tutto il nostro mondo, i nostri gusti, musicali e non solo, e in particolare le mie idee, la mia personalità. Abbiamo cercato di prendere il meglio sia dalla migliore musica leggera italiana che dal sound internazionale attuale, pur mantenendo un certo gusto retrò”.

Se dovessi descrivere la serata con un solo aggettivo a disposizione, la mia scelta ricadrebbe su “divertente”. E credetemi che ultimamente abbiamo perso di vista la concezione del divertimento, dando per scontato troppe cose che col tempo non potranno che diventare semplicemente banali.
I Diva non corrono questo rischio.

Le foto della serata.

Credits: Paolo Belletti

Scroll To Top